Progetto Chernobyl

Nel 2006 Incontra la Solidarietà nasce,  con il sostegno del Comune di Sala Bolognese, per accogliere bambini venuti alla luce dopo il 1986, anno in cui il disastro nucleare di Chernobyl colpì la Bielorussia ancora oggi fortemente contaminate da radioattività.

Da allora, su specifica indicazione dell’Amministrazione pubblica, declinata da ANPAS, nel Comune di Sala Bolognese si è ripetuta annualmente l’esperienza, sempre nel complesso positiva, di ospitare diversi minori provenienti da quelle zone, allo scopo di condurre progetti sanitari e di pratica di stili di vita sani.

La finalità del progetto Chernobyl è quindi quella di accogliere minori provenienti da realtà disagiate, in particolare da zone che hanno subito contaminazione radioattiva, al fine di fornire loro l’opportunità di un’esperienza  di un mese in ambienti salubri, con un’alimentazione sana e variata, ricca di frutta, verdura e latte, nonché di svolgere attività ludiche, salutari e sportive, anche effettuando escursioni e brevi trasferte nelle vicine zone marittime. Il tutto favorendo l’integrazione con i coetanei e la popolazione.

 

PROGETTO 2018

Descrizione

Incontra la Solidarietà nell’anno 2018 accoglierà, nel mese di luglio, n. 10 bambini, provenienti dalla zona di Urizkaia – Bielorussia, di età inferiore ai dieci anni accompagnati da due adulti con funzione di assistenza. Sono stati privilegiati bambini che non hanno mai partecipato all’iniziativa negli anni precedenti e che provengono da famiglie non benestanti.

Il luogo dell’accoglienza sarà Casa Largaiolli, ambito di proprietà comunale; al riguardo è in atto una convenzione che regola i rapporti fra Comune ed Associazione. Casa Largaiolli presenta tutte le caratteristiche di idoneità per ospitare i bambini ed i loro accompagnatori, sia per quanto riguarda gli ambienti al chiuso, sia per lo spazio all’aria aperta al riparo dai pericoli della strada.

Si specifica che non ci saranno bambini accolti presso famiglie.

Risorse

Funzione dei volontari sarà quella di prestare opera affinché le esigenze quotidiane degli ospiti siano garantite in tutti i loro aspetti nel migliore dei modi, dall’alimentazione alla logistica, dalla comprensione ai momenti ricreativi.

Verranno utilizzate risorse economiche provenienti: dal bilancio dell’Associazione (vedi pag. Bilancio), da iniziative organizzate per la raccolta di fondi, dal Comune di Sala Bolognese e da Soggetti vari con volontà di contribuire al progetto.

Attività

Durante il periodo di permanenza, che si sviluppa nell’arco di circa 4 settimane, in base alla disponibilità economica e grazie all’esperienza acquisita negli anni precedenti, si propongono varie attività in linea con le finalità del progetto di accoglienza da articolare in condivisione con ANPAS e Amministrazione Comunale.

Nella prima settimana, oltre ad espletare le necessarie formalità sanitarie consistenti nelle visite mediche di ingresso e ad assicurare il giusto tempo i ambientazione, i bambini potranno essere impegnati in momenti ludico-ricreativi nel centro estivo, anche con la collaborazione degli uffici comunali e di altre realtà di volontariato del territorio.

Relativamente alla seconda settimana i bambini parteciperanno al campo estivo presso il Centro Sportivo di Sala Bolognese; le giornate saranno dedicate ad attività sportive a squadre ed organizzate dall’Associazione Sala Presente a cui Incontra la Solidarietà fornirà l’adeguata collaborazione. Scopo dell’iniziativa, oltre a beneficiare dell’esperienza propria dello sport, sarà quella di favorire l’integrazione con i coetanei e trasmettere alla tante famiglie coinvolte i valori dell’accoglienza.

Il giorno 16/7 parteciperemo alla “Giornata dell’accoglienza” promossa da ANPAS e Regione Emilia Romagna.

Nella terza settimana, la locale Protezione Civile potrà organizzare, a favore degli ospiti, e non solo, un campo scuola finalizzato ad affrontare le tematiche della sicurezza personale e collettiva in varie situazioni di criticità che potrebbero presentarsi, il tutto in modo accattivante e adatto ai bambini. Riteniamo che l’esperienza abbia un’elevata valenza istruttiva, indicata a tutte le latitudini.

Dal 23/7 al 27/7 vi sarà la consueta ed apprezzatissima vacanza al mare con ovvi benefici legati dall’esposizione al sole ed al contatto con l’acqua di mare da somministrare nella giusta misura. Bambini ed accompagnatori alloggeranno, analogamente al passato, in una pensione della località Valverde vivendo l’esperienza nella sua interezza.

Inoltre, durante il periodo di accoglienza, non mancheranno, oltre a momenti di puro riposo, la partecipazione ad iniziative che nel territorio verranno organizzate e favore dell’intera collettività (es. il Carnevale notturno per bambini), gite conoscitive (es. a Bologna), nonché cene per la popolazione con finalità informative dell’esperienza in corso e raccolta fondi.

Il programma descritto potrebbe subire variazioni nella successione delle attività ed eventualmente nell’effettuazione di una iniziativa rispetto ad un’altra, senza comunque in alcun modo snaturarne i contenuti e le finalità.

 

PROGETTO 2019

In questo anno daremo continuità al progetto sanitario con i 10 bambini accolti lo scorso anno.

Sarà nostra cura riportare il programma dettagliato non appena definito.